- 26" DAL RECORD PREVISTO

 

Sono contro questo evento forzato con profumo di business di  Marketing, e scientifico...

Sono un atleta non come Kipcoige, ma conosco lo sforzo della corsa sfiorando molte volte in passato il muro di 3' al km, con questo voglio semplicemente dire che correre la maratona a questi ritmi è INNATURALE...

Quindi non seguo la moda di chi applaude un risultato clonato dalla sola virtualità dell'immagine...

Osservando l'arrivo di Kipcoige sinceramente vi dico che ho trovato in quel ragazzo tenerezza e compassione, e senza un minimo di emozione e esaltazione...

Meditate e riflettete....La natura è ben altro....

  • Federico Gasbarri nella foto con il completino rosso.. Lamarcardinals.com

    Nuovo Primato Personale per l'atleta Teatino Federico Gasparri al Bryan Clay Invitational di AZUSA (Los Angeles) nella miriade di batterie circa 280 partecipanti, Federico da il meglio di se stesso sulla distanza dei 1500 m chiudendo in 3'47"73 migliorando il suo precedente primato di 3'48"41.
    Complimenti al nostro Federico con l'augurio di migliorarsi ancora...

Lo sport più povero del mondo…

La Corsa lo sport più povero del mondo mai Capito…

Conosco ragazzi che non hanno un lavoro, ma vorrebbero un paio di scarpe per correre, fanno fatica per gareggiare la Domenica, non hanno soldi per la benzina, non hanno un sostegno dalla famiglia, ma hanno tanto talento, un talento nascosto che nessuno scoprirà mai…

Perché in questo sport devi solo fare fatica, e se vuoi fare sul serio anche sacrificio, senza essere ricompensati come tante altre discipline sportive.

Ma ci sono persone che pretendono che la corsa tiri fuori dei campioni  sempre a spese proprie…

Il problema è che bisogna fare i conti  con il potere commerciale, arrivato anche in questa disciplina povera, dove  ti impongono le gare da fare,  quelli che devi pagare l’iscrizione a scadenze, quelli che se ti danno un premio  è anche troppo, quelli che se vinci una gara devi dare l’esempio di non correre per il premio, ma di correre per solidarietà, quella solidarietà  tra  poveri…  Molti vogliono tornare indietro…in quegli anni 70/80…dove non c’era l’arco gonfiabile, ma un semplice striscione “ARRIVO” .  Dove c’era un semplice bicchiere d’acqua,  dove l’iscrizione costava niente, ma se ti davano una medaglia eri l’uomo più felice del mondo, si quella medaglia che hai ancora conservato in un cassetto, oppure appeso da qualche parte, che quando hai voglia la riguardi e ripensi a quegli anni felici pieni di  rispetto e disciplina… Si quella medaglia che vinci anche oggi nelle più grandi manifestazioni, ma paghi l’iscrizione anche 300 euro… perché in questo sport faticoso non basta allenarti ma devi anche pagare caro!!! Ma non ho mai criticato la Federazione per 20 euro l’anno, perché mi ha sempre sostenuto regalandomi soddisfazioni e titoli nazionali… Non c’era FB…Oppure il fotografo personale…                                                                                                          Dove i top runner erano gli atleti Olimpionici,  e  NON  chi andava a 3’05” al km… E chi andava a 3’05” al km lo faceva in SILENZIO, che solo dopo essere tornato a casa nella sua camera si ritrovava solo con se  stesso e si gustava quell’attimo di appagamento per quella prestazione che lo faceva sognare.  

Trasmettiamo ai giovani i valori dello sport, ma dobbiamo   stimolarli  e sostenerli con gli  allenamenti, e non con le gare che non contano, ma prepararli  con professionalità  e competenza per un futuro che rappresenti per loro una filosofia di vita…. 

Perché la corsa non si vende, ma si pratica…

Perché la corsa non è un lavoro, ma uno sport… 

Perché  Campioni si nasce, Campionissimi si Diventa…

Perchè tutto potrai togliermi ma non l’aria che respiro…                                                         Mistercamp..

Lo sport più povero del mondo

RECORD DEI RECORD A CONTROGUERRA

E' stata l'edizione dei record, record di partecipazione 2600 partecipanti,record del primo classificato Julius Rono kenia in 44'51" che dopo i primi tre km in compagnia di altri due connazionali, Henry Kimutai Kibet e Boniface Bii, si invola aumentando il ritmo sui restanti 12 km presentandosi tutto solo sul lungo viale che porta all'arrivo del piccolo paesino di Controguerra ovaggiato dal foltissimo pubblico presente, quarto e primo degli italiani il maratoneta quasi di casa Denis Curzi dei Carabinieri BO.
Nelle donne successo per la marrocchina Soumiya Labani maratoneta olimpionica a Londra 2012 battendo l'idolo di casa l'azzurra Marcella Mancini interrompendo la serie di vittorie cinque edizioni alle spalle. In volata terza arrivata Teresa Montrone, quarta la giovane promessa itala marrocchina Samiri Touria.

33° STRALANCIANO

33° STRALANCIANO    07-10-2012

 

LA FESTA DELLO SPORT

 

Migliaia di podisti provenienti da varie regioni italiane

Hanno invaso le vie di Lanciano , con la  partenza da p.zza Plebiscito

Risalendo corso trento e trieste  un fiume umano proiettava uno scenario

Spettacolare con le tre gare in programma, la 5 km non competitiva,

e la 10 e 21 km competitiva, gli organizzatori hanno sfiorato quota 1000 partecipanti

un record  per la Stralanciano.

Grande soddisfazine per infaticabile Guido Catenaro promoter e organizzatore  sin dalle prime edizioni,

sempre attento per la riuscita della manifestazione, ormai diventata conosciutissima  in campo nazionale.

 

La gara dei 10 km è stata vinta da un veterano del podismo Abruzzese Daniele Grande (grottini team),precedendo il giovane Domenico Barbierato (la sorgente) e Alessio Bisogno (Hadria Pe). Nelle donne si impone la promettente Anzideo Lucrezia ( Gran Sasso Te) su Lorella Bassani (runners montesilvano) e Caramanico Francesca (runners Chieti).

 

Nella classica mezza maratona di km  21.097   dominano tutta la gara arrivando  appaiati Alberico Di Cecco (farnese vini Pe) e Michele Del Giudice  (farnese  vini Pe) terzo il bravo Tommaso Giovannangelo (la sorgente) quarto il primo locale  Antonio Bucci (farnese vini Pe) quinto un sorprendente Marco Zulli (maiella sporting team). Tra le donne si impone la bravissima Chiara Cruciani ( running club futura Roma ) sulla coriacea Rita Mascitti (avis San Benedetto) terza Gloria Ciccotelli (runners Fontegrande) quarta Gabrielli Elisa (val tavo)  e quinta la bravissima Carla Di Persio (san paolo villa reale ).

Da segnalare le ottime prestazioni cronometriche dei vari atleti locali del centro di allenamento Mistercamp , iniziando da Pino Paione(Nuova Atletica Lanciano)

6° class. Con il nuovo personale   1h 17’  poi 8° Valerio De Pamphilis  (N.A.Lanciano) 9° Camillo Campitelli (Orecchiella Garfagnana) 10° Umberto Di Credico (Vini Citra )  13° Del Papa Lino (il Crampo) 14° Antonio De Pamphilis ( N.A.Lanciano) .

Dopo la gara pasta party in allegria per tutti i partecipanti,  e famigliari, per concludere una giornata di sport e amicizia.

Grazie al comitato organizzatore (il Quercione) l’amministrazione comunale dal sindaco ai vari assessori e consiglieri, in particolare Giacinto Verna noto anche come podista .

 

 

 

 

 

Lamiri e Mascitti dominano la mezza di Pratola Peligna

In una giornata stupenda per le condizioni climatiche, più estiva che autunnale, si sono presentati al via circa cinquecento podisti per la classica maratonina dei Tre Comuni di  Pratola Peligna. gara di km 21.100 che si snoda nello stupendo paesaggio naturale della valle peligna,tra Pratola e Raiano, percorso impegnativo e selettivo. con una partenza tranquilla di 3'55" al km i migliori subito davanti, con Lamiri e Di Cecco a guidare un altro gruppetto con Bucci, Giovannangelo, Barbierato, e Scappucci. ma a dominare la gara è stato uno strepitoso Lamiri (ecomaratona dei marsi) che conferma la sua fantastica forma battendo con circa 23" di vantaggio  Alberico Di Cecco (la sorgente F.S.Martino) terzo posto per Gianni Scappucci (running free Pescara) soddisfatto dell'ottima prestazione. tra le donne successo di Rita  Mascitti (avis san benedetto) davanti  a Ciccotelli Gloria  (runners fontegrande) e Lorella Bassani (runners Montesilvano) la gara non competitiva di 10 km è stata vinta da Lizza Massimo (la sorgente F.S.Martino) tra le donne Pietropaolo Letizia (la sorgente F.S.Martino).Da tenere presente L'Ottimo risultato  degli  atleti del gruppo Mistercamp  con Camillo Campitelli (Orecchiella Garfagnana ) 10° in 1h18'06"  Pino Paione (Nuova Atletica Lanciano) 11° in 1h18'24" e Valerio De Pamphilis (Nuova Atletica Lanciano) 14° in 1h18'46" soddisfatti all'arrivo  della prova per puntare alla StraLanciano.

la gara curata nei minimi particolari  è stata organizzata dalla società GAP Pratola Peligna , in collaborazione cn il corrilabruzzo saucony.

Pino Paione vince il trofeo Arviè a Roio del Sangro

Confermando il grande momento di forma,  Pino Paione (N.A.lANCIANO) si impone in  una delle classicissime del podismo Abruzzese degli anni ottanta,  TROFEO ARVIE'  a Roio del Sangro un piccolo paesino in prov. di Chieti,  Pino con una gara accorta va a vincere staccando nel finale in salita  Domenico Caporale  (runners Chieti) e Carmine Campitelli (play run Ortona). soddisfazione in casa Mistercamp per il suo atleta che cresce di gara in gara, augurando a Pino di mantenere il suo stato di forma anche per la Stralanciano, città dove vive, anche se le sue origini  vengono  da  Castel Frentano...

Bravo Pino.

Antonio De Pamphilis Campione regionale in discesa

Antonio De Pamphilis (N.A.Lanciano) si conferma camp. regionale di corsa in discesa a Francavilla al mare (CH) soddisfazione per Mistercamp ,e tutto il podismo Frentano....

BRAVO ANTONIO.

2° a Guastameroli

Superlativa prova di impegno e volontà dell'atleta Pino Paione del team Mistercamp a Guastameroli arrivando 2° e migliorandosi di quasi 3 minuti dal suo miglior tempo in questa gara . . .Bravo Pino miglioreremo anke alla mezza , e poi si inizia con la preparazione dei Cross. . .Bene anke Antonio De Pamphilis a villamagna con un ottimo 8° posto, sempre del team di Mistercamp. . .Bravo Antonio.

intervista a Mistercamp di Massimo SANTUCCI

" Corse, viaggi, fatica e saggezza..."
 



Intervista: 10 domande al runner

 

Camillo Campitelli

 

  • Qual è stato il migliore allenamento della tua carriera?

  • Il migliore lavoro è difficile sceglierlo, uno che ricordo con soddisfazione l'ho fatto quando mi seguiva Renato Canova, 2h a 3'30” al km (con il compagno Vedilei in bici); un altro che ricordo con grande piacere è questo: al mattino 10 km di riscaldamento a 4' + 10 km a 3'20”, al pomeriggio 10 km a 4' + 10 km in 32'53”; un altro è un bigiornaliero fatto di sabato: 30' di riscaldamento + 5x1000 a 3' al km rec 1'40” pomeriggio 30' + 5x1000 a 2'58” rec 1'20/30”; un ultimo bel ricordo è 30x200 in 30” rec 1'

  • E quello più duro che hai fatto?

  • Giro di Campotosto vicino a L'Aquila a 1500 metri sul livello del mare, partimmo lenti e andando in progressione finimmo 25 km in 1h29' su percorso ondulato, arrivai molto molto provato

  • Che percorsi prediligi fare in allenamento?

  • Percorsi collinari, con questi percorsi ho iniziato a correre e secondo me è anche il mezzo più allenante

  • Che tipo di allenamento preferisci?

  • Quello che mi dà più soddisfazione è il medio..ho la sensazione di “allenarmi”

  • Ti piace di più allenarti da solo o in gruppo?

  • Mi piace il gruppo e mi carico se è il gruppo giusto perché si fatica di meno, ma per anni mi sono allenato da solo e mi sono trovato bene

  • Qual è stata la tua miglior gara?

  • Dove ho fatto il personale in mezza a Gargnano sul Garda nel '90 con 1h06'52” ed il 10000 m in 31'06” a Pescara in occasione dei societari nel '93

  • Quella più bella a cui hai partecipato?

  • La lego al ricordo della mia vittoria alla maratona di Chieti nel '96, correvo con la Gabbi Ponteggi. Tutto perfetto, organizzata bene, bel percorso e vittoria..finita in 2h28'..si è decisa all'ultimo km, eravamo in 2 al comando da tanti km, sono partito agli ultimi 600 metri, non ha reagito..ultimo 1000 in 3'12”

  • Un aneddoto relativo ad una gara?

  • Ero ragazzino, 16 anni, eravamo in gara io e mio fratello, per non farci vincere, 4 persone ci hanno trattenuto e ci scaraventavano ai bordi della strada per non farci passare..ci mettemmo a piangere..

  • Se ti ricordi dei sogni che fai ce ne racconti uno relativo alla corsa?

  • Qualche giorno prima della gara, sogno la gara e non la finisco mai..e non riesco a sapere mai se l'ho vinta

  • Cosa ti regala la corsa?

  • Mi ha fatto crescere come uomo, come resistenza alla fatica, riesci a tollerare di più la vita nei momenti di crisi..con la corsa superi ogni ostacolo. Mi ha fatto conoscere migliaia di persone, mi ha regalato tanti viaggi e molta saggezza